Che cos’è la visita neurologica?
La visita neurologica consente di individuare possibili malattie o disturbi relativi al sistema nervoso centrale o a quello periferico, ovvero il cervello, il cervelletto, il midollo spinale, il tronco encefalico, il tronco nervoso, i gangli, le radici e i plessi extraviscerali e intraviscerali.

A cosa serve la visita neurologica?
Mediante la visita neurologica si riesce a comprendere se un soggetto ha un disturbo neurologico (come una patologia, oppure una lesione) ed eventualmente dove è situato.

Come si svolge la visita neurologica?
Durante una visita neurologica il medico indaga sul passato clinico e familiare del soggetto, sul suo stile di vita e sui sintomi che egli stesso riscontra. A questo primo stadio fa seguito un test neurologico che può comportare l’esame della condizione mentale, delle funzioni simboliche (linguaggio, azioni e identificazione di suoni, oggetti e colori), dei nervi cranici, del sistema motorio e della coordinazione dei movimenti, del sistema sensitivo e delle funzioni autonomiche (ovvero quelle dei centri nervosi che monitorano le attività vitali). Il medico può per esempio osservare il senso di equilibrio ed il senso di orientamento, i riflessi, la reazione degli occhi agli impulsi visivi e quella alle vibrazioni sulla cute.

Sono previste norme di preparazione?
Per sottoporsi a una visita neurologica non c’è bisogno di alcuna preparazione particolare.