Che cos’è la visita senologica?
La visita senologica è un test completo del seno, completamente indolore ed effettuato senza l’utilizzo di strumentazioni, che viene svolto da un medico senologo. Oltre alle pazienti con patologia senologica già riconosciuta, si può essere inviate dal proprio medico curante al senologo in caso di disturbi come comparsa di noduli, secrezioni dal capezzolo, stati infiammatori e/o dolorosi relativi ad una o entrambe le mammelle.

A cosa serve la visita senologica?
Lo scopo della visita senologica è verificare – o scansare – l’esistenza di una malattia relativa al seno. Alla visita senologica vengono anche sottoposte tutte le persone con disturbi del seno già conosciuti per controllare l’evoluzione delle malattie stesse.

Come si svolge la visita senologica?
Nella prima fase della visita il medico porrà diversi quesiti alla paziente con il fine di acquisire quanti più dati possibili sul suo trascorso clinico e sulle sue abitudini (anamnesi), e dunque su alimentazione, vizio del fumo, assunzione di alcol, frequenza di attività fisica e di sedentarietà, probabili malattie a carico, possibile esistenza di casi di tumore del seno in famiglia, età del primo ciclo mestruale e/o dell’inizio della menopausa, gravidanze, cure ormonali eventualmente effettuate, assunzione di medicinali. In questa prima parte della visita il medico specialista di solito pone l’attenzione sull’osservazione degli esami medici eventualmente già eseguiti dalla paziente.
Nella seconda parte della visita procederà con l’esame clinico propriamente detto, che è fondato sull’esaminazione e la palpazione approfondita di entrambe le mammelle.
A seconda delle rilevazioni eseguite nel corso della visita lo specialista potrà sviluppare una diagnosi e suggerire la relativa cura oppure, in base al sospetto diagnostico, potrà suggerire la sottoposizione della paziente ad ulteriori esami per maggiori approfondimenti, tra cui l’ecografia mammaria, la mammografia e la biopsia.

Sono previste norme di preparazione?
Non sono previste specifiche norme di preparazione per sottoporsi a una visita senologica. È opportuno che la paziente porti con sé tutti gli esami possibilmente prescritti dal medico di base e tutta la documentazione eventualmente già posseduta relativa al disturbo senologico.